Fratellanza Internazionale della Vergine Maria che Scioglie i Nodi

Dove si trova la Vera e Originale Immagine
della Vergine María che Scioglie i Nodi
Chiesa di St. Peter am Perlach 
Desatadora
St. Peter am Perlach (2006) 

Davanti "La Fonte di Augusto" 
Dietro la Torre, e come parte 
dell'insieme si trova la 
Chiesa Convento 
Altezza della Torre Perlach 71 mt.

     La Chiesa e la Torre
 Chiesa:   St. Peter am
  Perlach
 Costruita:  prima dell'Anno
 700 e ricostruita
 nell'anno 1067
 Città:  Augsburgo
 (Augusta)
 Germania
 Patrono:  San Pietro
 Festività
 29 Giugno
 Stile:  Romanico
 Torrefaccia  Perlachturm
 Maestro
 di opera:
 Elias Holl
 Refezione:  In 1946 e
 completato
 in 1957
 Revisione
 Storica:
    M.H.I.R
      1999
      Augsburgo - Bavaria 
       Sud della Germania 
       Ebbe come patrona Santa 
       Felicita, martire romana. 
     I Gesuiti non la riconoscono

 
La Chiesa San Pedro, appartiene attualmente alla Parrocchia di St. Moritz in Augsburgo. La chiesa 
fu costruita in legno, prima dell'anno 800. Nell'anno 1067, fu "ricostruita" dal Conte 
Schwigger von Balzhausen. La torre fu chiamata Perlach, Perlachturm, e appartiene allo Stato di Bavaria. 
Fu adibita come sentinella militare, durante l'Impero Romano. Nell'anno 1182, e fu costruita così come si trova nello stato attuale. Invece la cupola, fu costruita nell'anno 1614, dall'architetto Elías Holl.
Il nome "Perlach", proviene da una definizione latino-germanico, "Per Leiche", che significa, "Cadavere." 
Fu chiamata Collina del Cadavere perché vi fu seppellita una Legione Romana di quasi 4.000 soldati, che sono stati
sconfitti, dai Celti ed i Fineses, durante l'Impero Romano.
Essa si trova al centro della Città di Augsburgo, ed è uno dei suoi principali simboli. La Torre è stata sempre motivo di dispute tra protestanti e cattolici.
Per questo motivo la Torre è molto importante nella storia di Bavaria, e non occupa un posto significativo nella gerarchia nel clero di Alemanna, e per ben quattro volte rischiò di essere demolita. 
 La chiesa San Pedro, fu affidata ad una organizzazione laicale dal 1780 al 1803, ma dopo la seconda Guerra Mondiale, i Gesuiti si fecero carico della Chiesa, scacciando l'Organizzazione dei laici, che a sua volta occuparono la Torre Perlach. 
Sia la Torre che la Chiesa, rappresentano una delle tappe più importanti della storia e della religione della Germania durante l'Impero Romano Germanico, e nei successivi Governi Imperiali. 
La Perlach, fu sede del Governo Reale di Bavaria, e posto di riunione delle famiglie patrizie che risiedevano a Roma. 

Dati della Relazione: "Investigazione di María Knotenlöserin, La Vera Storia" 
di Mario H. Ibertis Rivera © 1999.

 

St. Peter am Perlach all'interno, ed i suoi paraggi in Augsburgo al giorno d'oggi

Altare famiglia Fuger

ALTARE MAGGIORE

ALTARE DELLA VERGINE

 Un altro Altare familiare

L'UNICA MADONNA DI TERRACOTTA

IMMAGINE FIORITA IN ESTATE

CANALE DI DISCESA AL FIUME LECH

CRISTO SULLE ACQUE IN TERRACOTTA

DETTAGLI DELLA PITTURA

PLACCA COMMEMORATIVA CON LA DATA

UNICA ENTRATA A LA CHIESA E LA TORRE

SCALA VERSO LA TORRE

ANTICA INCISIONE NELLA SACRESTIA 
DELLA CHIESA

VEDUTA DELLA PERLACH E MUNICIPIO

Placca Di S. ELISABETA (1743)

MUNICIPIO DI AUGSBURGO

LA FONTE DELL'IMPERATORE AUGUSTO

LA FONTE E GLI EDIFICI RICOSTRUITI

FIANCO SUD DELLA CHIESA

Cosa Rimase della Torre nel 1946

PLACCA DOVE LUTERO DETTE LA SUA TESI

BLASONE DI AUGSBURGO

CONVENTO DELLE CARMELITANE, OGGI

Vista della Torre da 71 metri.

UN'ALTRA VISTA DELLA TORRE PERLACH

ENTRATA DELLA CATTEDRALE DI AUGSBURGO

INTERNO DELLA CATTEDRALE

LA FUGUEREI, ANTICO QUARTIERE OPERAIO

FONTE NEI CORRIDOI DI LA FUGUEREI

CIELORASO NEL MUNICIPIO

STUCCHI NEL MUNICIPIO

CHIESA DI ST. ULRICH E STA. AFRA

"PALAZZO DI LA CARNE", MUNICIPALE

Per le Donazioni, Ciccare Qui
Per Ritornare,clicca qui Ciccare, Qui                                           Per Continuare, clicca qui Ciccare, Qui

Le informazioni i dati e le fotografie di queste pagine, non possono essere riprodotte sia attraverso i mezzi grafici 
che quelli elettronici, se non attraverso una autorizzazione scritta dell'autore: Mario H. Ibertis Rivera ©
Traduzione: Concetta Bonomo - Palermo - Sicilia - Italia© 2006